Letio e... pensieri - PARROCCHIASPIRITOSANTO

PARROCCHIASPIRITOSANTO
Vai ai contenuti

Menu principale:

Pastorale
DA UN ARTICOLO DI UN PARROCO SUL GIORNALINO PARROCCHIALE

“L’estate è sinonimo di evasione dalla realtà, di allontanamento dai nostri luoghi più familiari e abitudinari, dove per gran parte dell’anno svolgiamo le nostre solite attività.
Come sempre, sono moltissime le opportunità che il popolo dei vacanzieri ha a disposizione per questo attesissimo periodo dell’anno: c’è chi si riversa lungo le coste per sfuggire alla calura della città e per concedersi rinfrescanti bagni, c’è chi invece preferisce salire ad alta quota per godere di un’aria più sana, genuina, e, allo stesso tempo, rigenerante, offerta dalla montagna. Anche le scuole ormai sono chiuse e migliaia di ragazzi potranno vivere il meritato riposo dopo nove mesi trascorsi a studiare e ad imparare sui banchi. Tutto ciò porta alla naturale conseguenza di un progressivo svuotarsi delle città, che diventeranno una sorta di città-fantasma destinate a chi non può permettersi il soggiorno nelle località turistiche e di villeggiatura.
Puntualmente, con l’avvicinarsi delle vacanze estive, si registra anche un progressivo svuotamento delle nostre parrocchie. Nonostante i preti cerchino di cambiare l’orario delle messe, adattandole alle esigenze di riposo e di svago dei fedeli, nei mesi che vanno da giugno a settembre si assiste a celebrazioni riservate veramente a pochi intimi.
Questo fenomeno è scoraggiante se valutato nell’ottica del vangelo: sembra che la maggior parte delle persone considerino la messa come “un’attività” da svolgere soltanto durante un determinato periodo dell’anno, un impegno da incastrare in mezzo ad una settimana lavorativa frenetica e stressante. Secondo questo ragionamento, una volta che si possono godere le proprie ferie, è giusto prendersi una pausa anche dall’essere cristiani. Con molta naturalezza, ma anche con una certa superficialità e leggerezza, sembra che il legame vacanza e assenza dalla messa sia scontato.
Allo stesso tempo, è quindi necessario ricordare a tutti che in estate Gesù non va in vacanza, è sempre vicino a noi in qualsiasi luogo soggiorniamo o durante qualsiasi attività ricreativa facciamo. Lui non si allontana, siamo noi che Lo mettiamo in disparte, assorbiti dal bisogno di divertirsi e di vivere emozioni nuove in un periodo dell’anno così rilassante. In fondo, dobbiamo tenere presente che una chiesa si trova anche nel più sperduto luogo di villeggiatura o nel minuscolo villaggio in cima ad una montagna.
L’estate dovrebbe essere in realtà il periodo dell’anno in cui possiamo entrare ancora di più in contatto con la nostra spiritualità e il nostro Dio: non abbiamo i pressanti appuntamenti lavorativi, non siamo attanagliati da ritmi stressanti e, rigenerati dalle vacanze, dovrebbe essere più spontaneo rivolgere il nostro pensiero al Signore. Basterebbe contemplare le meravigliose località turistiche in cui ci troviamo, sarebbe sufficiente gettare lo sguardo su un suggestivo panorama illuminato dal tepore estivo per poter riflettere su quanto Dio rende speciali le nostre vacanze grazie all’opera della sua creazione.
Mi sembra giusto dare alla fine anche un piccolo suggerimento alle persone che, per le più svariate esigenze, sono costrette a restare in città anche durante i mesi estivi e magari si sentono più sfortunate rispetto agli altri. Ci sono tanti nelle nostre città che non possono muoversi, basta pensare agli anziani e agli ammalati; allora, potrebbe essere davvero bello cercare di trascorrere qualche momento delle calde giornate estive in loro compagnia. Sarebbe non solo un’opportunità per farsi compagnia a vicenda, ma anche per portare una parola di conforto e un sorriso a coloro che sono obbligati a vivere a casa tutta l’estate.”
Buon riposo a tutti!

PARROCCHIA SPIRITO SANTO - VIALE UNGHERIA, 9 -80059 TORRE DEL GRECO (NA)
TEL.0818823031 - INDIRIZZO MAIL: spsanto@alice.it
Torna ai contenuti | Torna al menu